Zone di sicurezza dinamiche per la cooperazione fra persone e robot

No, non siamo davanti a un semaforo e non stiamo giocando a campana. Ciò che potete osservare viene definita dagli esperti automazione senza barriere di sicurezza. Sullo sfondo si muove un robot industriale, e subito davanti a questo c’è una griglia di luci verdi, gialle e rosse. Karl-Heinz Häfner, Collaboratore del Gruppo, si trova ancora nella zona verde e si avvicina con sicurezza al robot. Non appena tocca con il piede la prima casella gialla, la macchina rallenta, per fermarsi bruscamente quando raggiunge quella rossa. Se Häfner sposta il piede fuori dall’area rossa, il robot ricomincia a muoversi. Quello che stiamo osservando è uno sviluppo unico all’interno del Gruppo Volkswagen: un essere umano può lavorare in modo assolutamente sicuro nelle immediate vicinanze di un robot industriale senza esserne separato da barriere di sicurezza fisse. Ciò è possibile grazie allo scanner laser di sicurezza, che identifica in maniera affidabile qualsiasi movimento del Collaboratore. Un sistema di controllo di alto livello coordina i suoi movimenti e quelli del robot, rallentandolo e fermandolo non appena l’operatore entra nella relativa zona di sicurezza.
 
 
Martin Gallinger, responsabile per l’ulteriore sviluppo dell’impiego di robot nella divisione Group Production, spiega perché le zone di sicurezza dinamiche sono così importanti per la produzione del futuro: “Tutti oggi parlano di collaborazione uomo-macchina. Finora ci siamo preoccupati principalmente della cooperazione con robot leggeri, ora vogliamo rendere quelli industriali adatti a lavorare assieme alle persone, con l’obiettivo di sgravare il carico sugli operatori, dato che i robot di grandi dimensioni sono in grado di sollevare componenti molto più pesanti e di passarli agli esseri umani, per esempio”. In futuro, i robot saranno in grado di dare supporto attivo ai lavoratori. Un ulteriore vantaggio è il fatto che le macchine esistenti possono anche essere usate per collaborare con le persone, risparmiando gli investimenti necessari all’acquisto di macchine nuove.
 
“Nonostante tutti i vantaggi di questa nuova forma di collaborazione, c’è un tema che ha ancora la massima priori tà per noi – la sicurezza” sottolinea Gallinger. Una condizione garantita dalla presenza di zone di sicurezza interattive estremamente av anzate. A titolo di test, il team di Gallinger ha sviluppato un prototipo adatto alla produzione di serie insieme ai partner KUKA AG, Keyence Deutschland GmbH e Fraunhofer IFF. I colori danno al Collaboratore un’indicazione semplice e immediata delle aree dove può lavorar e senza interferire con il robot (verde). Le zone di sicurezza si adeguano in modo dinamico ai movimenti della macchina. Per esempio, se sta lavorando in un punto lontano, ben distante da dove si trova il Collaboratore, le aree verdi, gialle e rosse si spostano di conseguenza. Se l’operatore si trova nella zona gialla, il movimento del robot è rallentato in modo deciso, fino allo stop completo nel caso di movimento nella zona rossa. Ciò significa che tutti gli esseri umani coinvolti sono assolutamente protetti e hanno perfettamente chiaro quali siano le zone di sicurezza, in ogni momento.
 
Il prototipo che è stato sviluppato conferma la fattibilità tecnica di una nuova forma di collaborazione e di un concetto di sicurezza completamente nuovo: “Nelle prossime fasi testeremo in modo approfondito e ottimizzeremo il prototipo assieme ai nostri partner nel progetto, a esperti di salute e sicurezza e ai Collaboratori del reparto produzione. Intendiamo sfruttare i loro feedback per sviluppare il sistema fino a un punto in cui sia perfettamente idoneo all’utilizzo nella produzione in serie” aggiunge Gallinger.
 
 
Top Employer Italia 2018
 

Navigator 2018

 
 
 
 
 
 

Shift. Il Magazine sulla Sostenibilità del Gruppo

 
 
 
 
 
 
 
 

Rapporto sulla Sostenibilità

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Latest news

Cosa fa effettivamente uno sviluppatore di realtà virtuale nel Gruppo Volkswagen?

23/05/2018
La realtà virtuale (VR) non è soltanto giocare ai videogame. Nel Gruppo Volkswagen sta contribuendo a uno sviluppo più veloce ed efficiente delle vetture. Gli sviluppatori di realtà virtuale come David Kuri programmano potenti software a questo scopo. Il ventiseienne lavorava per un’Azienda internazionale nel settore dei videogiochi e ora porta le proprie competenze specifiche nel Virtual Engineering Lab.

Annual General Meeting: il Gruppo Volkswagen accelera il ritmo della sua trasformazione

03/05/2018
Dopo un 2017 di successo e un inizio d’anno positivo, il Gruppo Volkswagen accelera il ritmo del riallineamento complessivo sotto la guida del nuovo CEO Herbert Diess. “Il Gruppo Volkswagen è in ottima forma, sia in termini finanziari che operativi. La nostra strategia sta funzionando. Stiamo affrontando in modo sistematico i principali temi automobilistici del futuro. Tuttavia dobbiamo ancora affrontare la parte più lunga del viaggio. Ci aspettano gli anni cruciali della nostra trasformazione” ha affermato Diess durante l’Annual General Meeting di Volkswagen AG a Berlino.

Il Gruppo Volkswagen al CEBIT: know-how digitale, futuro della mobilità e un’anteprima mondiale

26/04/2018
Veicoli connessi, guida autonoma, design digitale dell’auto, informatica quantistica, intelligenza artificiale all’interno dell’Azienda, tecnologia blockchain, configurazione tramite la realtà virtuale, ride sharing, user-experience live e un’anteprima mondiale: con la presenza del Gruppo Volkswagen, il CEBIT 2018 (11 – 15 giugno ad Hannover) diventa un festival dell’innovazione. Sullo stand, esperti di digitalizzazione e IT offriranno ai visitatori un’ampia panoramica sul futuro della mobilità e sulle ultime tecnologie digitali.
Top Employer Italia 2018
 

Navigator 2018

 
 
 
 
 
 

Shift. Il Magazine sulla Sostenibilità del Gruppo

 
 
 
 
 
 
 
 

Rapporto sulla Sostenibilità

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Latest news

Cosa fa effettivamente uno sviluppatore di realtà virtuale nel Gruppo Volkswagen?

23/05/2018
La realtà virtuale (VR) non è soltanto giocare ai videogame. Nel Gruppo Volkswagen sta contribuendo a uno sviluppo più veloce ed efficiente delle vetture. Gli sviluppatori di realtà virtuale come David Kuri programmano potenti software a questo scopo. Il ventiseienne lavorava per un’Azienda internazionale nel settore dei videogiochi e ora porta le proprie competenze specifiche nel Virtual Engineering Lab.

Annual General Meeting: il Gruppo Volkswagen accelera il ritmo della sua trasformazione

03/05/2018
Dopo un 2017 di successo e un inizio d’anno positivo, il Gruppo Volkswagen accelera il ritmo del riallineamento complessivo sotto la guida del nuovo CEO Herbert Diess. “Il Gruppo Volkswagen è in ottima forma, sia in termini finanziari che operativi. La nostra strategia sta funzionando. Stiamo affrontando in modo sistematico i principali temi automobilistici del futuro. Tuttavia dobbiamo ancora affrontare la parte più lunga del viaggio. Ci aspettano gli anni cruciali della nostra trasformazione” ha affermato Diess durante l’Annual General Meeting di Volkswagen AG a Berlino.

Il Gruppo Volkswagen al CEBIT: know-how digitale, futuro della mobilità e un’anteprima mondiale

26/04/2018
Veicoli connessi, guida autonoma, design digitale dell’auto, informatica quantistica, intelligenza artificiale all’interno dell’Azienda, tecnologia blockchain, configurazione tramite la realtà virtuale, ride sharing, user-experience live e un’anteprima mondiale: con la presenza del Gruppo Volkswagen, il CEBIT 2018 (11 – 15 giugno ad Hannover) diventa un festival dell’innovazione. Sullo stand, esperti di digitalizzazione e IT offriranno ai visitatori un’ampia panoramica sul futuro della mobilità e sulle ultime tecnologie digitali.

I nostri Marchi

logo_audi.png
SEAT logo piccolo.png
SKODA 3D Standard Logo_sRGB.png
 
Questo sito utilizza Cookies, ovvero pacchetti di informazioni che vengono depositati sui dispositivi usati dagli utenti con lo scopo di: agevolare la navigazione all’interno del sito e la sua corretta fruizione; per facilitare l’accesso ai servizi che richiedono l’autenticazione; per fini statistici e per conoscere quali aree del sito sono state visitate. Per una corretta e completa fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei Cookies.
La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione esplicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.
Le configurazioni relative ai Cookies potranno essere modificate in ogni momento cliccando su Cookie Policy o utilizzando il link “ Cookie Policy” in fondo alla pagina.
Accetto