La strategia per le batterie del Gruppo Volkswagen

La strategia per le batterie del Gruppo Volkswagen è un elemento chiave dell’offensiva elettrica.
Il Gruppo Volkswagen continua a spingere il cambio di paradigma della mobilità individuale e indirizza le proprie attività in modo sistematico verso la propulsione elettrica: lancerà sul mercato quasi 70 nuovi modelli elettrici nei prossimi dieci anni, con una previsione di circa 22 milioni di veicoli basati sulle piattaforme per l’e-mobility del Gruppo.
 
Ciò significa che la domanda di batterie del Gruppo Volkswagen incrementerà a più di 300 GWh all’anno soltanto in Europa e Asia. L’attuale capacità di celle non è sufficiente per coprire il futuro fabbisogno del mercato. Al momento le fabbriche di batterie per le Case automobilistiche sono essenzialmente su carta, in costruzione o in fase di potenziamento. Dato il numero per ora ancora limitato di vetture elettriche, si era deciso di importare le batterie dall’Asia. I primi stabilimenti per la produzione di batterie in Europa sono in fase di avviamento, così da assicurare i volumi necessari per i prossimi anni. Quando l’offensiva elettrica del Gruppo Volkswagen avrà preso slancio, la produzione locale di batterie avrà un senso anche dal punto di vista competitivo. In questo senso il piano del Gruppo Volkswagen per le batterie è un elemento chiave per la strategia di elettrificazione.
 
Il Consiglio di Sorveglianza approva investimenti per poco meno di un miliardo di Euro per una fabbrica di batterie
Nell’ambito della propria offensiva elettrica, il Gruppo Volkswagen porterà avanti la costruzione di uno stabilimento per la produzione di celle batteria in Europa, con una partnership. A questo scopo, il Consiglio di Sorveglianza ha approvato investimenti per poco meno di un miliardo di Euro. Il piano prevede che la produzione sia localizzata in Bassa Sassonia, ammesso che esistano le necessarie condizioni economiche generali. Fra queste, l’esenzione dall’imposta legata alla Legge sulle Energie Rinnovabili (EEG, Erneubare-Energien-Gesetz) e la disponibilità di elettricità proveniente da fonti rinnovabili. La decisione definitiva su piani e investimenti è prevista entro la fine dell’anno.
 
Il Gruppo Volkswagen segue un approccio multifase per lo sviluppo del know-how sulle batterie
· Nella prima fase, partnership strategiche con fornitori consolidati costituiscono la base fondamentale per l’approvvigionamento di batterie per i veicoli nell’ambito dell’offensiva elettrica. Si tratta di accordi a lungo termine che assicurano in modo duraturo una gran parte delle batterie richieste e consentono i progressi tecnologici necessari. SKI, LG Chem e CATL sono stati individuati come fornitori principali per la prima ondata di modelli elettrici.
· Un ulteriore obiettivo è la costruzione di un sostanziale know-how nella ricerca, nello sviluppo e nella produzione di batterie agli ioni di litio. Il Gruppo ha concentrato nel Centro di Eccellenza di Salzgitter la responsabilità per le attività di sviluppo, approvvigionamento e controllo qualità per tutte le celle batteria del Gruppo. La fase pilota della produzione inizierà a partire dalla seconda metà del 2019.
· Dato che investire nella produzione delle celle è un’attività ad elevata intensità di capitale, nella prossima fase le cosiddette gigafabbriche saranno costruite insieme a partner; il focus sarà anche su potenziali location in Germania.
· Nella fase successiva il Gruppo prevede di costruire stabilimenti destinati alla produzione di celle per batterie agli ioni di litio e allo stato solido, in entrambi i casi in Europa. La partnership con l’azienda statunitense QuantumScape è parte integrante della strategia del Gruppo, in particolare per quanto riguarda le batterie allo stato solido.
 
La batteria rappresenterà una parte significativa del valore di una vettura elettrica.
Per questo il Gruppo sta lavorando alacremente per rendere le batterie e le celle batteria un’ulteriore competenza chiave del Gruppo Volkswagen in futuro – a tutti i livelli, dallo sviluppo alla produzione, allo smaltimento fino al riciclo.
Una cosa è certa: il Gruppo punta a diventare leader in questo campo per tecnologia e costi, perché non solo intende offrire ai clienti i migliori veicoli elettrici, ma anche farlo a prezzi competitivi.
 
Assicurarsi la fornitura di materie prime è un fattore di successo
Un fattore chiave per il successo è garantirsi la fornitura di materie prime e, in questo senso, il Gruppo è ben posizionato. Per la situazione attuale, confida che disporrà di quantità sufficienti di tutte le materie prime necessarie per l’espansione della flotta elettrica. Di recente il Gruppo Volkswagen ha firmato un memorandum d’intesa con Ganfeng per un accordo di dieci anni riguardante il litio, componente principale di una batteria. Solamente questa collaborazione coprirà gran parte del fabbisogno di litio. Sono in corso ulteriori trattative con altri fornitori.
 
Nel frattempo, il Gruppo sta lavorando sistematicamente per ridurre la quantità di cobalto impiegata nelle batterie – che allo stesso tempo si tradurrebbe in una riduzione dei volumi necessari di questa materia prima. La quota passerà dall’attuale 12-14% (percentuale in peso nel catodo) al 5% nei prossimi 3–5 anni. Il Gruppo Volkswagen sta inoltre sviluppando celle batteria prive di cobalto.
 
Costruire un know-how con partner forti - la European Battery Union
Il Gruppo Volkswagen si è unito ad altri partner europei per fondare la “European Battery Union” (EBU), il cui obiettivo è portare avanti la ricerca sulle batterie in tutta Europa. Sotto la guida del Gruppo Volkswagen e di Northvolt, produttore svedese di batterie, le attività di ricerca congiunte copriranno l’intera catena del valore di questo componente – dalle materie prime al riciclo, passando per la tecnologia delle celle. Lo scopo primario è accumulare un know-how molto più ampio per supportare l’industrializzazione della produzione di celle batteria. Le attività di ricerca saranno avviate all’inizio del 2020.
 
La scelta della location è legata alle condizioni concorrenziali generali
Il piano prevede che la produzione delle celle batteria sia localizzata in Germania (Bassa Sassonia), ammesso che esistano le necessarie condizioni economiche generali. I criteri decisivi sono un quadro fiscale competitivo e prezzi dell’energia vantaggiosi, data la grande quantità di elettricità necessaria per produrre celle. Ultima, ma non meno importante, la velocità dei processi di approvazione, dal momento che la costruzione di una fabbrica per le batterie richiede almeno tre anni.
Top Employer Italia 2019
 

Rapporto sulla Sostenibilità

 
 
 
 
 
 
 
  

Latest news

I veicoli elettrici hanno il miglior bilancio di CO2

02/05/2019
Per gli stessi modelli con diverse alimentazioni, l’impronta di carbonio delle versioni elettriche ‘E’ è già migliore di quella delle varianti corrispondenti con motore a combustione interna. Inoltre, i veicoli elettrici offrono un maggior potenziale di riduzione di CO 2 in tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto. Per le emissioni di CO 2 è inoltre fondamentale la provenienza dell’energia da fonti fossili o da rinnovabili. Questo è il risultato di un Life Cycle Assessment (LCA) certificato della Volkswagen Golf, che confronta le emissioni di CO 2 delle diverse versioni della vettura con motore elettrico o a combustione interna.

Il Gruppo Volkswagen aderisce alla rete di approvvigionamento sostenibile

19/04/2019
Il Gruppo Volkswagen si unisce a un’iniziativa industriale aperta per l’acquisto responsabile di minerali strategici, che utilizzerà la tecnologia blockchain per incrementare l’efficienza, la sostenibilità e la trasparenza nella catena globale del loro approvvigionamento. Ciò consentirà al Gruppo Volkswagen di ottenere una visione più ampia sulla provenienza del cobalto destinato alle batterie agli ioni di litio per i veicoli elettrici e di altri tipi di minerali, impiegati altrove nella produzione.

Il Gruppo Volkswagen lancia l’offensiva di prodotto in Cina

16/04/2019
Volkswagen pianifica un’ampia offensiva di prodotto in Cina. La Marca avrà duplicato il proprio portfolio di SUV entro il 2020. Durante il Salone dell’Auto di Shanghai 2019, Volkswagen ha annunciato che la quota di SUV è prevista aumentare fino al 40%. L’offerta coprirà in un primo tempo il ramo più tradizionale per passare, in modo graduale, a quello della mobilità elettrica. Presenti sullo stand 5 nuovi SUV, di cui 4 in anteprima mondiale. SAIC VOLKSWAGEN ha presentato la T-Cross 1) e la Teramont X 2), che sarà lanciata a breve, FAW-VW il SUV Coupé Concept 2) e l’SMV Concept 2). Oltre ai quattro modelli delle joint venture, ha avuto la propria anteprima mondiale la ID. ROOMZZ 2), ultimo membro della famiglia ID..
Top Employer Italia 2019
 

Rapporto sulla Sostenibilità

 
 
 
 
 
 
 
  

Latest news

I veicoli elettrici hanno il miglior bilancio di CO2

02/05/2019
Per gli stessi modelli con diverse alimentazioni, l’impronta di carbonio delle versioni elettriche ‘E’ è già migliore di quella delle varianti corrispondenti con motore a combustione interna. Inoltre, i veicoli elettrici offrono un maggior potenziale di riduzione di CO 2 in tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto. Per le emissioni di CO 2 è inoltre fondamentale la provenienza dell’energia da fonti fossili o da rinnovabili. Questo è il risultato di un Life Cycle Assessment (LCA) certificato della Volkswagen Golf, che confronta le emissioni di CO 2 delle diverse versioni della vettura con motore elettrico o a combustione interna.

Il Gruppo Volkswagen aderisce alla rete di approvvigionamento sostenibile

19/04/2019
Il Gruppo Volkswagen si unisce a un’iniziativa industriale aperta per l’acquisto responsabile di minerali strategici, che utilizzerà la tecnologia blockchain per incrementare l’efficienza, la sostenibilità e la trasparenza nella catena globale del loro approvvigionamento. Ciò consentirà al Gruppo Volkswagen di ottenere una visione più ampia sulla provenienza del cobalto destinato alle batterie agli ioni di litio per i veicoli elettrici e di altri tipi di minerali, impiegati altrove nella produzione.

Il Gruppo Volkswagen lancia l’offensiva di prodotto in Cina

16/04/2019
Volkswagen pianifica un’ampia offensiva di prodotto in Cina. La Marca avrà duplicato il proprio portfolio di SUV entro il 2020. Durante il Salone dell’Auto di Shanghai 2019, Volkswagen ha annunciato che la quota di SUV è prevista aumentare fino al 40%. L’offerta coprirà in un primo tempo il ramo più tradizionale per passare, in modo graduale, a quello della mobilità elettrica. Presenti sullo stand 5 nuovi SUV, di cui 4 in anteprima mondiale. SAIC VOLKSWAGEN ha presentato la T-Cross 1) e la Teramont X 2), che sarà lanciata a breve, FAW-VW il SUV Coupé Concept 2) e l’SMV Concept 2). Oltre ai quattro modelli delle joint venture, ha avuto la propria anteprima mondiale la ID. ROOMZZ 2), ultimo membro della famiglia ID..

I nostri Marchi

logo_audi.png
SEAT logo piccolo.png
SKODA 3D Standard Logo_sRGB.png
 
Questo sito utilizza Cookies, ovvero pacchetti di informazioni che vengono depositati sui dispositivi usati dagli utenti con lo scopo di: agevolare la navigazione all’interno del sito e la sua corretta fruizione; per facilitare l’accesso ai servizi che richiedono l’autenticazione; per fini statistici e per conoscere quali aree del sito sono state visitate. Per una corretta e completa fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei Cookies.
La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione esplicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.
Le configurazioni relative ai Cookies potranno essere modificate in ogni momento cliccando su Cookie Policy o utilizzando il link “ Cookie Policy” in fondo alla pagina.
Accetto