Concept vicino alla produzione di serie della stazione flessibile per la ricarica rapida

Volkswagen Group Components presenta al Salone di Ginevra il concept vicino alla produzione di serie della propria stazione flessibile per la ricarica veloce. Grazie alle dimensioni compatte, può essere installato ovunque ce ne sia bisogno o dove ancora manca l’infrastruttura di ricarica. Connessa o meno alla rete, la stazione può ricaricare fino a quattro vetture elettriche simultaneamente - due a corrente continua - basandosi sul principio di funzionamento di una “power bank”. Può anche essere utilizzata per lo stoccaggio temporaneo di energia pulita, consentendo una mobilità neutrale in termini di CO2; se connessa alla rete, diventa invece un punto di ricarica permanente. La produzione di serie inizierà nel 2020 presso lo stabilimento di Hannover, in Germania.
 
Power bank per le auto elettriche. La stazione flessibile di ricarica rapida funziona secondo il principio di una “power bank” comunemente utilizzata da milioni di persone in viaggio per i propri smartphone - è soltanto molto più grande e potente. Ha una capacità fino a 360 kWh e la ricarica avviene in tempi brevissimi, grazie alla tecnologia a corrente continua a 100 kW. Quando il contenuto energetico della batteria installata nella stazione scende sotto un determinato livello, la stazione stessa viene sostituita. Quando invece questa è collegata alla rete, il pacco batterie si ricarica in modo indipendente e continuo.
 
La ricarica ovunque e in qualsiasi momento. Lo studio di design mostra le dimensioni compatte della stazione di ricarica: con una base di soli 120x100 cm, può essere posizionata quasi dappertutto, un fattore che consentirà la ricarica dei veicoli pressoché ovunque - in città, allo stadio o a ogni altro evento, a prescindere dalla location.
 
La stazione di ricarica: un elemento fondamentale per la rivoluzione energetica. Se alimentata con elettricità generata da fonti rinnovabili - che sia solare o eolica - la stazione consente per la prima volta lo stoccaggio temporaneo di energia pulita, rendendo la mobilità elettrica neutrale in termini di CO2. In particolare i Paesi che alimentano la rete con un’alta percentuale di energia rinnovabile saranno in grado per la prima volta di conservarne una parte proprio grazie alla stazione. Allo stesso tempo, lo stoccaggio allenta la pressione sulla rete nelle ore di punta.
 
Una seconda vita per le batterie delle auto elettriche. Dal punto di vista tecnico, la stazione di ricarica è basata sulla piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen ed è progettata per l’utilizzo dei rispettivi moduli cella. Oltre al vantaggio di poter essere configurata su diversi livelli di capacità, la stazione garantirà una seconda vita alle batterie delle auto elettriche. Queste vengono infatti sostituite quando perdono la loro capacità di reggere la carica nel tempo e quando scendono sotto un determinato livello di capacità residua. Se superano un’attenta analisi, possono essere riciclate e riutilizzate in una stazione flessibile per la ricarica rapida, riducendo così l’impiego di materie prime preziose sul lungo termine.
 
Produzione in Germania. Le prime stazioni flessibili di ricarica rapida saranno installate nella prima metà del 2019 a Wolfsburg, città dove ha sede il Gruppo Volkswagen, nell’ambito di un progetto pilota e avranno un ruolo importante nella realizzazione dell’infrastruttura urbana di ricarica. La produzione di serie inizierà nel 2020 presso lo stabilimento di Hannover.
 

MoDo - Scopri la Mobilità di Domani

MoDo.jpg
 

Rapporto sulla Sostenibilità

 
 
 
 
 
 
 
  

Latest news

Potenza di calcolo verde: il Gruppo Volkswagen apre un data center a zero emissioni in Norvegia

19/06/2019
Il Gruppo Volkswagen ha aperto un nuovo data center con impatto neutrale sul clima a Rjukan (Norvegia). La struttura è stata costruita in solo sei mesi in collaborazione con il partner norvegese Green Mountain. In futuro sarà alimentata al 100% con energia idroelettrica, con un risparmio di oltre 5.800 tonnellate di CO2 l’anno, in confronto a un data center che impiega corrente elettrica prodotta in modo tradizionale. La produzione massima di 2.750 kilowatt sarà utilizzata da Volkswagen e Audi per i server altamente performanti, che processeranno progetti ad alta intensità di calcolo. Nello sviluppo di ulteriore capacità di calcolo, il Gruppo Volkswagen si concentra su fattori economici ed ecologici: un data center con impatto neutrale sul clima è già attivo in Islanda.

Il Gruppo Volkswagen avrà una nuova unità operativa dedicata ai software

18/06/2019
Entro il 2025 il Gruppo Volkswagen intende raggruppare più di 5.000 esperti digitali nella nuova divisione “Car.Software” con responsabilità a livello di Gruppo per i software nei veicoli. L’Azienda pianifica di sviluppare internamente molti più software per le auto e per i servizi relativi al veicolo, aumentando la quota dall’attuale 10%, fino ad almeno il 60% entro il 2025. In futuro ci sarà una piattaforma software uniforme con tutte le funzioni di base per tutti i veicoli del Gruppo, costituita dal sistema operativo per veicoli “vw.os” e dal Volkswagen Automotive Cloud. Entro il 2025, tutti i nuovi modelli del Gruppo avranno questa piattaforma. La prima vettura basata su di essa sarà la ID.31), in anteprima mondiale al Salone di Francoforte di quest’anno. Al momento più di 20.000 potenziali acquirenti hanno già effettuato il pre-ordine di questo modello.

Il Gruppo Volkswagen investe in Northvolt AB

12/06/2019
Il Gruppo Volkswagen investe circa 900 milioni di Euro in attività riguardanti le batterie con Northvolt AB. Parte della somma è destinata a una joint venture con il produttore svedese di celle batteria, un’ulteriore parte andrà direttamente a Northvolt AB. A sua volta, il Gruppo Volkswagen acquisirà circa il 20% delle sue quote e avrà un posto nel Consiglio di Amministrazione, con riserva di approvazione da parte delle Autorità antitrust. Inoltre, nel corso dell’anno è pianificata una joint venture al 50% per istituire uno stabilimento di celle batteria da 16 GWh in Europa. Si prevede di costruire la fabbrica in Bassa Sassonia (a Salzgitter), se i requisiti sono soddisfatti, con inizio dei lavori nel 2020. L’avvio della produzione di celle batteria da parte di Volkswagen è programmato per la fine del 2023 o l’inizio del 2024.

MoDo - Scopri la Mobilità di Domani

MoDo.jpg
 

Rapporto sulla Sostenibilità

 
 
 
 
 
 
 
  

Latest news

Potenza di calcolo verde: il Gruppo Volkswagen apre un data center a zero emissioni in Norvegia

19/06/2019
Il Gruppo Volkswagen ha aperto un nuovo data center con impatto neutrale sul clima a Rjukan (Norvegia). La struttura è stata costruita in solo sei mesi in collaborazione con il partner norvegese Green Mountain. In futuro sarà alimentata al 100% con energia idroelettrica, con un risparmio di oltre 5.800 tonnellate di CO2 l’anno, in confronto a un data center che impiega corrente elettrica prodotta in modo tradizionale. La produzione massima di 2.750 kilowatt sarà utilizzata da Volkswagen e Audi per i server altamente performanti, che processeranno progetti ad alta intensità di calcolo. Nello sviluppo di ulteriore capacità di calcolo, il Gruppo Volkswagen si concentra su fattori economici ed ecologici: un data center con impatto neutrale sul clima è già attivo in Islanda.

Il Gruppo Volkswagen avrà una nuova unità operativa dedicata ai software

18/06/2019
Entro il 2025 il Gruppo Volkswagen intende raggruppare più di 5.000 esperti digitali nella nuova divisione “Car.Software” con responsabilità a livello di Gruppo per i software nei veicoli. L’Azienda pianifica di sviluppare internamente molti più software per le auto e per i servizi relativi al veicolo, aumentando la quota dall’attuale 10%, fino ad almeno il 60% entro il 2025. In futuro ci sarà una piattaforma software uniforme con tutte le funzioni di base per tutti i veicoli del Gruppo, costituita dal sistema operativo per veicoli “vw.os” e dal Volkswagen Automotive Cloud. Entro il 2025, tutti i nuovi modelli del Gruppo avranno questa piattaforma. La prima vettura basata su di essa sarà la ID.31), in anteprima mondiale al Salone di Francoforte di quest’anno. Al momento più di 20.000 potenziali acquirenti hanno già effettuato il pre-ordine di questo modello.

Il Gruppo Volkswagen investe in Northvolt AB

12/06/2019
Il Gruppo Volkswagen investe circa 900 milioni di Euro in attività riguardanti le batterie con Northvolt AB. Parte della somma è destinata a una joint venture con il produttore svedese di celle batteria, un’ulteriore parte andrà direttamente a Northvolt AB. A sua volta, il Gruppo Volkswagen acquisirà circa il 20% delle sue quote e avrà un posto nel Consiglio di Amministrazione, con riserva di approvazione da parte delle Autorità antitrust. Inoltre, nel corso dell’anno è pianificata una joint venture al 50% per istituire uno stabilimento di celle batteria da 16 GWh in Europa. Si prevede di costruire la fabbrica in Bassa Sassonia (a Salzgitter), se i requisiti sono soddisfatti, con inizio dei lavori nel 2020. L’avvio della produzione di celle batteria da parte di Volkswagen è programmato per la fine del 2023 o l’inizio del 2024.

I nostri Marchi

logo_audi.png
SEAT logo piccolo.png
SKODA 3D Standard Logo_sRGB.png
 
Questo sito utilizza Cookies, ovvero pacchetti di informazioni che vengono depositati sui dispositivi usati dagli utenti con lo scopo di: agevolare la navigazione all’interno del sito e la sua corretta fruizione; per facilitare l’accesso ai servizi che richiedono l’autenticazione; per fini statistici e per conoscere quali aree del sito sono state visitate. Per una corretta e completa fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei Cookies.
La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione esplicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.
Le configurazioni relative ai Cookies potranno essere modificate in ogni momento cliccando su Cookie Policy o utilizzando il link “ Cookie Policy” in fondo alla pagina.
Accetto