“L’intelligenza artificiale sta diventando un fattore concorrenziale chiave”

Come pensano le persone? Su che basi prendono decisioni? Come può l’intelligenza artificiale aiutarle in futuro? All’Information Technology Center Munich (Data Lab) del Gruppo Volkswagen, un team internazionale di esperti cerca le risposte. La squadra include specialisti IT e di robotica, data scientist, programmatori, fisici e matematici che collaborano strettamente. Insieme stanno preparando il Gruppo Volkswagen per il futuro. Su decine di monitor si visualizzano righe di codice, grafici e diagrammi 3D. Quello che compare sugli schermi in linguaggio macchina potrebbe aiutare in futuro ad accelerare i processi aziendali, a ottimizzare il flusso del traffico e a guidare i veicoli autonomi in sicurezza nel traffico.
 
 
“Stiamo sviluppando sistemi di apprendimento, studiamo e creiamo algoritmi che possano identificare e predire schemi e regole in modo sempre più affidabile” ha affermato Patrick van der Smagt, responsabile per la ricerca sull’IA al Data Lab. Uno dei campi di studio di cui si occupano lui e il suo team sono le reti neurali artificiali, nelle quali l’algoritmo raccoglie informazioni in numerose fasi e le compara con ciò che ha già appreso. In questo modo, il sistema riesce a individuare schemi e regole in maniera sempre più affidabile. “Stiamo conducendo della ricerca di base in questo ambito” ha affermato van der Smagt. “Il Gruppo Volkswagen è all’avanguardia”.
 
A qualche porta di distanza, lungo un corridoio vetrato, alla teoria segue la pratica. Hakan Duman e il suo team si occupano dell’applicazione di questi sistemi di intelligenza artificiale così avanzati. Nel Data Lab, Duman è a capo del reparto Data Science e IA applicata. “Testiamo i sistemi e ci poniamo sempre molte domande: dove possono essere utilizzati in modo efficace? Quali procedure aziendali e operazioni sono adatte per il loro impiego e come si può implementare questo approccio?” afferma Duman.
 
Il suo team sta lavorando a svariati progetti che si concentrano principalmente sulle applicazioni e sulle procedure all’interno dell’Azienda che includono, per esempio, sistemi di IA per robot intelligenti che in futuro dovranno lavorare a fianco degli esseri umani. Un altro progetto si focalizza sull’ottimizzazione del flusso del traffico di prossima generazione. Il team sta lavorando anche alla possibilità di proteggere i dati sensibili dagli attacchi degli hacker usando sistemi di IA avanzati.

Ci spostiamo nello stabilimento di Wolfsburg, sede del Gruppo Volkswagen. Il CIO Martin Hofmann siede in un ufficio arredato in modo essenziale. “L’intelligenza artificiale sta diventando un fattore concorrenziale chiave e costituirà un elemento fondamentale per molte tecnologie e procedure aziendali” ha dichiarato Hofmann. “Ecco perché stiamo gettando le basi per lo sviluppo indipendente e l’utilizzo di sistemi di IA altamente performanti nel Gruppo. Abbiamo un obiettivo chiaro: non vogliamo lasciare il know-how agli altri”.
 
Non si tratta solo di una questione di fattibilità: “Lavoriamo molto sugli aspetti etici. Per noi l’uso dell’intelligenza artificiale non è fine a se stesso, ma deve essere sempre sensato. Questa è un’altra ragione per cui adottiamo sistematicamente un approccio open source. Ampie parti del software sono rese disponibili al pubblico e il lavoro di sviluppo viene portato avanti dagli specialisti in modo trasparente e verificabile. Hofmann sottolinea: “L’intelligenza artificiale darà supporto alle persone, ma saranno sempre loro a prendere decisioni”.

Nell’Information Technology Center Munich, centro di competenza sull’intelligenza artificiale del Gruppo, le persone tengono il dito sul pulsante. Qualche volta nel vero senso della parola, ad esempio quando qualche riga di codice non funziona come dovrebbe. A volte tutto ciò che si può fare, anche in un centro high-tech, è premere il pulsante di riavvio.
Top Employer Italia 2018
 

Navigator 2018

 
 
 
 
 
 

Shift. Il Magazine sulla Sostenibilità del Gruppo

 
 
 
 
 
 
 
 

Rapporto sulla Sostenibilità

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Latest news

Cosa fa effettivamente uno sviluppatore di realtà virtuale nel Gruppo Volkswagen?

23/05/2018
La realtà virtuale (VR) non è soltanto giocare ai videogame. Nel Gruppo Volkswagen sta contribuendo a uno sviluppo più veloce ed efficiente delle vetture. Gli sviluppatori di realtà virtuale come David Kuri programmano potenti software a questo scopo. Il ventiseienne lavorava per un’Azienda internazionale nel settore dei videogiochi e ora porta le proprie competenze specifiche nel Virtual Engineering Lab.

Annual General Meeting: il Gruppo Volkswagen accelera il ritmo della sua trasformazione

03/05/2018
Dopo un 2017 di successo e un inizio d’anno positivo, il Gruppo Volkswagen accelera il ritmo del riallineamento complessivo sotto la guida del nuovo CEO Herbert Diess. “Il Gruppo Volkswagen è in ottima forma, sia in termini finanziari che operativi. La nostra strategia sta funzionando. Stiamo affrontando in modo sistematico i principali temi automobilistici del futuro. Tuttavia dobbiamo ancora affrontare la parte più lunga del viaggio. Ci aspettano gli anni cruciali della nostra trasformazione” ha affermato Diess durante l’Annual General Meeting di Volkswagen AG a Berlino.

Il Gruppo Volkswagen al CEBIT: know-how digitale, futuro della mobilità e un’anteprima mondiale

26/04/2018
Veicoli connessi, guida autonoma, design digitale dell’auto, informatica quantistica, intelligenza artificiale all’interno dell’Azienda, tecnologia blockchain, configurazione tramite la realtà virtuale, ride sharing, user-experience live e un’anteprima mondiale: con la presenza del Gruppo Volkswagen, il CEBIT 2018 (11 – 15 giugno ad Hannover) diventa un festival dell’innovazione. Sullo stand, esperti di digitalizzazione e IT offriranno ai visitatori un’ampia panoramica sul futuro della mobilità e sulle ultime tecnologie digitali.
Top Employer Italia 2018
 

Navigator 2018

 
 
 
 
 
 

Shift. Il Magazine sulla Sostenibilità del Gruppo

 
 
 
 
 
 
 
 

Rapporto sulla Sostenibilità

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Latest news

Cosa fa effettivamente uno sviluppatore di realtà virtuale nel Gruppo Volkswagen?

23/05/2018
La realtà virtuale (VR) non è soltanto giocare ai videogame. Nel Gruppo Volkswagen sta contribuendo a uno sviluppo più veloce ed efficiente delle vetture. Gli sviluppatori di realtà virtuale come David Kuri programmano potenti software a questo scopo. Il ventiseienne lavorava per un’Azienda internazionale nel settore dei videogiochi e ora porta le proprie competenze specifiche nel Virtual Engineering Lab.

Annual General Meeting: il Gruppo Volkswagen accelera il ritmo della sua trasformazione

03/05/2018
Dopo un 2017 di successo e un inizio d’anno positivo, il Gruppo Volkswagen accelera il ritmo del riallineamento complessivo sotto la guida del nuovo CEO Herbert Diess. “Il Gruppo Volkswagen è in ottima forma, sia in termini finanziari che operativi. La nostra strategia sta funzionando. Stiamo affrontando in modo sistematico i principali temi automobilistici del futuro. Tuttavia dobbiamo ancora affrontare la parte più lunga del viaggio. Ci aspettano gli anni cruciali della nostra trasformazione” ha affermato Diess durante l’Annual General Meeting di Volkswagen AG a Berlino.

Il Gruppo Volkswagen al CEBIT: know-how digitale, futuro della mobilità e un’anteprima mondiale

26/04/2018
Veicoli connessi, guida autonoma, design digitale dell’auto, informatica quantistica, intelligenza artificiale all’interno dell’Azienda, tecnologia blockchain, configurazione tramite la realtà virtuale, ride sharing, user-experience live e un’anteprima mondiale: con la presenza del Gruppo Volkswagen, il CEBIT 2018 (11 – 15 giugno ad Hannover) diventa un festival dell’innovazione. Sullo stand, esperti di digitalizzazione e IT offriranno ai visitatori un’ampia panoramica sul futuro della mobilità e sulle ultime tecnologie digitali.

I nostri Marchi

logo_audi.png
SEAT logo piccolo.png
SKODA 3D Standard Logo_sRGB.png
 
Questo sito utilizza Cookies, ovvero pacchetti di informazioni che vengono depositati sui dispositivi usati dagli utenti con lo scopo di: agevolare la navigazione all’interno del sito e la sua corretta fruizione; per facilitare l’accesso ai servizi che richiedono l’autenticazione; per fini statistici e per conoscere quali aree del sito sono state visitate. Per una corretta e completa fruizione del presente sito, si consiglia di configurare il browser in modo che accetti la ricezione dei Cookies.
La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies varrà come accettazione esplicita alla ricezione di Cookies dal presente sito.
Le configurazioni relative ai Cookies potranno essere modificate in ogni momento cliccando su Cookie Policy o utilizzando il link “ Cookie Policy” in fondo alla pagina.
Accetto